Corsi di lingua cinese e servizi di traduzione e interpretariato a Modena e Reggio Emilia

I 12 animali dello zodiaco cinese

I 12 animali dello zodiaco cinese


La data di inizio del nuovo anno nel calendario lunare cinese di solito cade tra metà gennaio e metà febbraio. Il 25 gennaio 2020 inizia ufficialmente l'anno del Topo. Il 2020 è un anno speciale a tutti gli effetti: parte infatti un nuovo decennio secondo il calendario gregoriano e rinizia il ciclo di 12 anni che caratterizza il calendario cinese.

Lo zodiaco cinese, chiamato 生肖 (shengxiao) o 属相 (shuxiang), si basa su un ciclo di 12 anni, oguno dei quali è associato ad un animale. Gli animali in ordine sono: topo, bue, tigre, coniglio, drago, serpente, cavallo, capra, scimmia, gallo, cane e maiale.

Si tratta di animali che nell’antichità avevano una forte connessione con la vita quotidiana dei cinesi oppure perché avevano significati simbolici nella cultura tradizionale. Il bue, il cavallo, la capra, il gallo, il maiale e il cane sono sei degli animali domestici allevati storicamente dalla popolazione cinese. Sono inoltre legati alla concezione tradizionale di casa e all'idea di ricchezza. Gli altri animali sono animali simbolici della tradizione e della mitologia. La scimmia simboleggia per esempio l'intelligenza e la scaltrezza mentre il drago il potere e la fortuna.

timg (20)

Il segno zodiacale cinese è stabilito dall'anno di nascita. Chi è nato tra gennaio e febbraio dovrà fare attenzione dato che il Capodanno Cinese cade tra il 20 gennaio e il 20 febbraio. Infatti, per l'attribuzione del segno zodiacale, si tiene conto della data di nascita secondo il calendario cinese e non secondo quello gregoriano. Controllando la tabella qui di seguito potete scoprire il vostro segno zodiacale cinese.

zodiaco-cinese

Come già accennato, un segno zodiacale si ripete ogni 12 anni, ciò significa che se avete 12, 24, 36, 48 ecc. anni è l'anno del vostro "animale". Questa, a differenza di quanto si possa subito pensare, non è sempre una cosa positiva. Secondo alcuni detti cinesi infatti, gli anni che hanno come protagonista il nostro segno zodiacale possono essere molto difficili da affrontare dal punto di vista della fortuna, della carriera, della salute e delle relazioni. Si narra che l'unico modo per scongiurare la malasorte quando ricorre l'anno del vostro segno zodiacale sia indossare qualcosa di rosso regalatovi da un familiare più anziano.

Perché gli animali dello zodiaco cinese sono in questo ordine?

Esiste una leggenda molto famosa che dà una risposta fantasiosa a questa domanda.

Si narra che l’Imperatore di Giada in occasione del suo compleanno decise di indire una competizione per scegliere gli animali che sarebbero diventati protagonisti dello zodiaco cinese. Si trattava di percorrere il più velocemente possibile un percorso particolarmente difficile e pieno di ostacoli. Il gatto e il topo, sapendo di essere più lenti degli altri animali, decisero di sfruttare la loro furbizia e chiesero un passaggio al bue, promettendogli però di tagliare il traguardo dopo di lui. Il bue, famoso per la sua gentilezza, acconsentì e li caricò sulla groppa. Il topo però, una volta vicino alla fine del percorso e mentre il bue attraversava un fiume, spinse giù il gatto e saltò con rapidi balzi oltre il traguardo, tagliandolo per primo. Divenne così il primo animale dello zodiaco cinese, diventando però anche simbolo di quelle persone disposte a tutto per ottenere ciò che vogliono. Il bue si classificò secondo e il gatto, continuando ad annaspare, giurò vendetta contro il topo. Ebbe iniziò così il famoso rancore tra i due animali che continua ancora oggi. La tigre, frenata dalla corrente del fiume, arrivò terza e subito dopo arrivò il coniglio che saltando sulle pietre che uscivano dall’acqua aveva superato molti animali.

Il drago, che tutti avevano pensato si sarebbe classificato primo, arrivò in quinta posizione. Al pubblico meravigliato spiegò che si era dovuto fermare ad aiutare un villaggio in miseria a causa della siccità, usando i suoi poteri per fare piovere e dissetare i suoi abitanti. Il drago divenne così simbolo di una grande magnanimità.

Poco dopo uno scalpitio di zoccoli fece pensare a tutti che il sesto classificato sarebbe stato il cavallo, ma così non fu. Il serpente, scaltro come pochi altri animali, si era silenziosamente arrotolato intorno ad una gamba del quadrupede e, appena prima che tagliasse il traguardo, schizzò in avanti e ottenne la sesta posizione. Il cavallo finì invece in settima.

A seguire arrivarono la capra, la scimmia e il gallo, che collaborarono per la durata dell’intero percorso per assicurarsi di riuscire a superare anche gli ostacoli peggiori. Le persone nate sotto il segno di questi animali sono famose infatti per avere un grande spirito di squadra e una grande lealtà.

Il cane, non essendo riuscito a resistere alla tentazione di giocare un po’ nell’acqua del fiume, arrivò in undicesima posizione mentre l’ultima venne assegnata al maiale che, tra un sonnellino e l’altro, era riuscito ad arrivare a fine percorso. Divenne così simbolo della pigrizia. ll gatto invece, probabilmente affogato nel fiume, non entrò a far parte degli animali dello zodiaco cinese.

timg (24)

Ma esiste anche un'altra teoria...

Un’altra famosa teoria afferma che i 12 animali dello zodiaco si susseguono in un ordine ben preciso, determinato dal principio di alternanza dello Yin e dello Yang. Ogni animale, infatti, ha caratteristiche che lo rendono un segno Yin o un segno Yang. Una teoria afferma che tale associazione si debba al numero delle dita, artigli o zoccoli che li caratterizza: sono associati allo Yin tutti quelli che li hanno di numero pari (bue, coniglio, serpente, capra, gallo e maiale), allo Yang quelli che li hanno di numero dispari (topo, tigre, drago, cavallo, scimmia e cane). Il topo, animale protagonista di questo nuovo anno che sta per iniziare, rappresenta un’eccezione: sulle zampe anteriori ha quattro dita mentre ne ha cinque sulle zampe posteriori. Un antico detto cinese afferma "una cosa è valutata in proporzione alla sua rarità" ed è forse proprio per questa sua peculiarità che il topo è il primo dei 12 segni zodiacali. Esso infatti ha le caratteristiche sia dello Yin che dello Yang ma dato che la somma delle sua dita forma un numero dispari (4+5=9) il topo è considerato essere Yang.

timg (25)

Che caratteristiche presentano quelli nati nel segno del topo?

In quanto primo segno dello zodiaco cinese, coloro nati nell’anno del topo sono generalmente leader, pionieri e conquistatori. Esercitano un forte fascino, sono passionali, carismatici, pratici e lavoratori. Intelligenti e astuti allo stesso tempo, i topi sono molto ambiziosi e dotati di forte volontà, nonché acuti e inflessibili promotori della proprio modus vivendi, che spesso include soldi e potere. Sono energici e versatili, possono trovare il loro modo per aggirare gli ostacoli ed adattarsi alle varie situazioni ambientali molto semplicemente. Spesso si circondano di soli pochi amici fidati con cui costruiscono un fortissimo legame. Possono essere terribilmente ostinati, insistendo nell'ottenere le cose a modo loro a qualunque costo. I topi però sono anche  maestri dei giochi della mente e possono essere davvero pericolosi, calcolatori e assolutamente crudeli, se si presenta la necessità. Intelligentemente moderati ed aggressivi, essi non ci penseranno due volte ad esigere, da coloro che li danneggiano in un qualche modo, la vendetta

I Topi lavorano a lungo e duramente per ciò che vorrebbero guadagnare o possedere nella vita. Tradizionalmente, coloro che sono nati durante la notte nell’anno del topo possono trovare estreme difficoltà durante la loro vita, dovendo combattere costantemente con l’edonismo e la nostalgia.

Tra le professioni più adatte a coloro nati sotto la guida del topo troviamo riguardano la psichiatria, la psicologia, lo spionaggio, la scrittura, la politica, la legge e l'ingegneria.

timg (22)

Come fare gli auguri in occasione del capodanno.

Ci sono tantissime espressioni che possono essere utilizzate in questa occasione. Gli auguri si possono fare con l'espressione "ti auguro" che in cinese si dice 祝你…/zhù ni/ o祝您…/zhù nin/ nel caso in cui ci si rivolga ad un anziano o a un superiore.

Tra gli auguri più utilizzati troviamo:

新年快乐(xīn nián kuài lè)

恭喜发财 (gōng xǐ fā cái)

新年进步 (xīn nián jìn bù)

过年好 (guò nián hǎo)

财源广进 (cái yuán guǎng jìn)

年年有余 (nián nián yǒu yú)

吉星高照 (jí xīng gāo zhào)

吉祥如意 (jí xiáng rú yì)

阖家欢乐 (hé jiā huān lè)

Alcuni auguri possono essere fatti ponendo attenzione alla salute, come龙马精神 (lóng mǎ jīng shén) o身体健康 (shēn tǐ jiàn kāng), altri al lavoro, 生意兴隆 (shēng yì xīng lóng) e 万事如意 (wàn shì rú yì), o ancora allo studio, 学业有成 (xué yè yǒu chéng) e 学习进步 (xué xí jìn bù).

Cosa fare per il Capodanno Cinese 2020 in Italia?

Sono sempre più numerose le città italiane che di anno in anno organizzano attività ed eventi in occasione del capodanno cinese. Vediamo cosa organizzano Milano, Prato, Torino e Napoli.

Milano: La tradizionale sfilata in via Sarpi, clou dei festeggiamenti della comunità cinese di Milano è in programma per domenica 2 febbraio: l’appuntamento è come sempre in piazza Gramsci alle 14, per poi percorrere la via simbolo della Chinatown milanese, decorata a festa per l’occasione. A cavallo del Capodanno Cinese sono molti i ristoranti che organizzano menù di degustazione tipici. È il caso per esempio di Bon Wei (via Castelvetro 16), che dal 24 gennaio al 9 febbraio propone un menù di 10 portate ispirato alla Cina contemporanea. Lo stesso accade da 168 Chinese Township (viale Jenner 29), che mette in carta un menù tipico cantonese per almeno 10 persone. Dal 24 al 30 gennaio, in corso Como angolo via Pasubio, l’installazione di un topo alto due metri renderà omaggio al Capodanno Cinese.

Prato: A Prato, oltre alle tradizionali sfilate organizzate dall'Associazione Buddista della Comunità Cinese in Italia, previste per il 1 e 2 febbraio, si terranno eventi ed iniziative organizzate da varie associazioni del territorio sotto il patrocinio del Comune di Prato. Per il programma completo cliccare qui

IMG-20170213-WA0003 2019-02-10_Milano_Chinatown_Sarpi_Capodanno_Cinese_Cherchi_2 

Torino: Il Capodanno Cinese 2020, a Torino, prenderà il via con la parata di apertura della associazioni cinesi e la danza benaugurale, prevista venerdì alle 16 davanti alla Rinascente. L'inaugurazione ufficiale sarà a Palazzo Cisterna con la consegna del Premio Internazionale Italia-Cina al console generale della Repubblica Popolare Cinese a Milano Song Xuefeng, alla sindaca Chiara Appendino e al rettore del Politecnico Guido Saracco. Tutti i giorni delle celebrazioni sono previsti percorsi gastronomici, show musicali legati alla tradizione, danze, cerimonia del tè e laboratori di calligrafia. Tra i principali appuntamenti, la sfilata della stilista Luna Chen che presenterà abiti della tradizione cinese. Gli spettacoli, tra cui quelli del fuoco, saranno in via Lagrange. Sempre alla Rinascente, sabato dalle 17, è prevista una spettacolare performance con EdiliziAcrobatica, con un gruppo di tecnici che si calerà dall'alto. Le vetrine saranno poi addobbate con una scenografia con il Topo dove domina il rosso e lanterne benauguranti.

Napoli: Sabato 25 gennaio dalle ore 11 alle ore 13:30 in Piazza del Plebiscito vi saranno performance di arti marziali e di danze tradizionali, laboratori di aquiloni, carte ritagliate e attività sull’arte cinese dei nodi. Non mancherà ovviamente una tipica danza del drago di seta.

Tra le curiosità legate a questo capodanno cinese 2020 colpisce quella che la LEGO ha deciso di creare dei nuovi set proprio per celebrare questa festività, alcuni sono reperibili solo sul mercato asiatico mentre altri anche in occidente.

Lego1 LEGO3 

LEGO2

 

.................................................................................

“Tra Cina e Italia” punta ad essere un punto di riferimento, in particolare (ma non solo) per coloro situati tra Modena e Reggio Emilia, per coloro che vogliono capire di più o per quelli che hanno a che fare con il mondo cinese. Quello che sogno è di riuscire a portare un po’ di Cina autentica anche qui, avvicinando le persone a un mondo di cui sanno molto poco o di cui hanno una visione non sempre corrispondente alla realtà. Sul sito verranno pubblicati regolarmente post che parlano della Cina e che vorrei condividere con tutti coloro che condividono questa passione. Dalla cultura al cibo, dalla lingua ai viaggi. Cercherò di inserire nei post anche alcuni scatti a cui sono particolarmente legato, scelti tra le migliaia di foto fatte in questi anni. “Tra Cina e Italia” offre diversi servizi, come per esempio corsi di lingua cinese (sia per privati che per aziende) o di italiano per cinesi. Servizi di traduzione ed interpretariato, così come di accompagnatore viaggi. Corsi e serate, portate avanti insieme ad un cuoco professionista, per imparare a cucinare il cibo cinese (quello vero). Si organizzano anche eventi dedicati all’approfondimento della cultura e della società cinese.

Questo sito utilizza cookie di terze parti e cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in rete.
Cliccando su “Accetto” autorizzi all’uso dei suddetti cookie.
Cliccando su “Maggiori informazioni” è possible visionare l’informativa sulla cookie policy di questo sito.